Approfondimenti

Helene Kröller-Müller
e la scoperta di Vincent Van Gogh

Articolo precedente
Mamma, papà: sono demigirl
Commenti (1)
  1. Irene ha detto:

    Bellissimo articolo da cui emerge in modo esplicito l’ammirazione sia per questa donna sia per Van Gogh. Io, se posso, vorrei aggiungere un’altra donna che ha permesso di farci conoscere il pittore. Sua cognata, Johanna van Gogh Bonger, la vedova di Theo. Vedova e con un figlio decise di aprire una pensione/locanda nella campagna olandese, dove fece arrivare gran parte dei quadri di Vincent che letteralmente tappezzarono l’edificio. C’è un bellissimo libro che narra questa storia e si chiama appunto “La vedova Van Gogh” di Camilo Sánchez.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *