Stai leggendo
“Dove sono le donne nei libri di scuola?”
Dark Light

“Dove sono le donne nei libri di scuola?”

Redazione
La docente spagnola Ana López Navajas riscatta le donne che hanno fatto parte della storia e avvia un progetto per recuperare le figure femminili dimenticate dai libri di scuola.

Sono nove anni che Ana López Navajas, ricercatrice dell’Università di Valencia, Spagna, lavora alla creazione di un database sull’operato delle donne in molteplici discipline nel corso della storia, con l’obiettivo di renderlo uno strumento che permetta a famiglie, docenti ed editori di correggere le disuguaglianze presenti nel sistema educativo.

Il progetto di López Navajas punta a far sì che i nomi delle donne con grandi meriti letterari, scientifici e artistici varchino la soglia delle aule e comincino a essere conosciuti dagli studenti. La ricercatrice si è chiesta se si possa effettivamente porre le fondamenta per una società paritaria, se viviamo in un mondo in cui dalla più tenera età si insegna che solo gli uomini sono i protagonisti quasi indiscussi di storia, scienza, pensiero e cultura. “Dov’erano loro?” è la domanda che Ana López Navajas si è posta pensando alle donne nella storia, prima di iniziare, nel 2009, la sua ricerca sulle figure femminili presenti in tutte le materie dei libri di testo della scuola secondaria.

“La loro presenza è marginale, mentre la loro assenza è sistematica”.

López Navajas, che svolge inoltre il ruolo di consulente nell’ambito della coeducazione (termine tecnico che si riferisce all’educazione congiunta di ragazzi e ragazze, NdT) e dell’uguaglianza nella formazione del corpo docenti nella Generalitat Valenciana, nel 2014 ha pubblicato uno studio che dimostrava l’assenza di figure femminili in tutti i contenuti didattici della scuola secondaria dell’obbligo.

La sua pubblicazione Las Mujeres en los contenidos de la Educación Secundaria Obligatoria (“Le donne nei contenuti didattici della scuola secondaria dell’obbligo”, NdT) fornisce cifre che illustrano l’assenza di figure femminili dal punto di vista socioculturale: nel materiale didattico della scuola secondaria dell’obbligo solo il 7,6% dei contenuti è dedicato alle figure femminili, mentre in materie come storia o scienze, la percentuale scende al 5% e nelle tecnologie all’1%.
“Non ne percepiamo l’assenza perché siamo stati istruiti secondo un canone culturale androcentrico. Ci viene trasmesso un panorama culturale parziale come se fosse universale, quando in realtà non lo è: manca il 50% della popolazione. Questa è la grande frode del sistema educativo, che è l’elemento fondamentale della trasmissione della cultura”, denuncia la ricercatrice. Nella sua pubblicazione conclude che la presenza delle figure femminili è “marginale, mentre la loro assenza è sistematica”.

Viene fatto anche riferimento alla tipica risposta che riceve chi insiste a voler includere personaggi femminili nei libri di storia: “Se non ce ne sono stati, non si possono inventare”. Su questo aspetto, la studiosa ha affermato che “si tratta di pura ignoranza, frutto di quella visione androcentrica che ci fa credere che, ad esempio, gli unici grandi maestri di pittura siano stati uomini. Quando si parla a queste persone di Artemisia Gentileschi o di Sofonisba Anguissola, non le conoscono”. Ha così insistito sul fatto che i personaggi femminili di rilievo esistono, ma la nostra cultura menomata non li riconosce. “La maggior parte delle grandi maestre in qualunque materia ha nomi che nemmeno ci risultano familiari, perché sono rimasti celati”, ha affermato. Ha inoltre menzionato i grandi movimenti femminili che, sebbene dimenticati, hanno contribuito a formare la società. In questo senso ha segnalato il fatto che “la partecipazione della donna è stata circoscritta al tema del suffragio, ma il suo intervento nella storia risale a molto prima. Tra i secoli XV e XVIII c’è stato un movimento molto potente, conosciuto come Querella de las mujeres, sul diritto delle donne alla cultura e all’istruzione, avviato da Christine de Pizan, il cui nome dovrebbe figurare insieme a quelli di Dante, Petrarca e Boccaccio come una delle figure chiave attorno alle quali ruota il cambiamento verso l’era moderna”.

“Non viene nemmeno presa in considerazione la possibilità che valga la pena leggerne le opere”

Secondo un articolo pubblicato su El País di Madrid, la ricercatrice sottolinea inoltre che si parla spesso del principio delle quote per la rappresentanza femminile, ma che in realtà “gli unici a goderne sono gli uomini: in questo modo possono accedere ad accademie e giunte direttive, così come a posizioni di maggior potere. Sembra che ottengano tali cariche grazie ai propri meriti, quando i criteri che realmente li fanno arrivare così in alto sono i costumi della società e il tipo di istruzione che ci spinge a pensare che siano migliori”.

Vedi anche

Su questa tematica, la docente ha inoltre affermato che se gli accademici conoscessero la tradizione culturale e sapessero qualcosa in più del contributo apportato dalle figure femminili, “forse cambierebbero idea sull’inclusione delle donne. Ma non viene nemmeno presa in considerazione la possibilità che valga la pena leggerne le opere. Una posizione così superba inficia il rigore intellettuale degli accademici stessi, ed è causata da un insegnamento privo di riferimenti femminili fin dall’infanzia”.

Conseguenze

Per concludere, López Navajas sintetizza che l’assenza di donne nel mondo dell’istruzione e nei libri di storia dà origine a tre conseguenze tra gli studenti.
La prima è che, impedendo loro di conoscere tali opere, li si condanna all’impoverimento culturale. La seconda è invece la condanna alla disuguaglianza. Se non si riconosce il contributo femminile alla cultura non si conferisce valore sociale alle donne, e le si lascia pertanto in una posizione secondaria. Ed è così che si gettano le fondamenta della disuguaglianza. Includere figure femminili nelle materie scolastiche è il miglior antidoto per prevenire la violenza di genere e il fenomeno del glass ceiling. È la miglior forma di progresso verso una società più equa e giusta. Gli uomini rispetterebbero maggiormente le donne, le vedrebbero come pari a loro, se conoscessero i nomi di queste figure fin da piccoli”, spiega.
La terza conseguenza è invece quella di non rispettare la legge. La parità non figura nei libri di testo finalizzati a istruire. “Bisognerebbe rivedere i punti di riferimento essenziali. Il sistema educativo risulta inficiato da questa omissione. Occorre formare il corpo docenti affinché tenga conto dell’importanza dell’insegnamento e della partecipazione delle donne in ogni materia”, conclude.

Fonte
Magazine: LaRed21
Articolo: “¿Dónde están las mujeres en los libros de estudio?”
Autore: Non citato
Data: 31 ottobre 2018
Traduzione a cura di: Elisa Sanguineti
Immagine di copertina: Patrick Tomasso

Leggi i commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Associazione Bossy ® 2020
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita