Stai leggendo
Il caso Spotlight: storia dell’inchiesta sui preti pedofili di Boston
Dark Light

Il caso Spotlight: storia dell’inchiesta sui preti pedofili di Boston

Barbara Gargaglione

Per la mia personale rubrica “Storie che non dovrebbero esistere, ma dato che esistono è opportuno conoscere”, oggi vi voglio parlare di un film uscito da pochi giorni nelle sale italiane.

Larson-Spotlight-690
Il team “Spotlight” da sinistra: Walter “Robby” Robinson (Michael Keaton), Martin Baron (Liev Schreiber), Michael Rezendes (Mark Ruffalo), Sacha Pfeiffer (Rachel McAdams), Ben Bradlee Jr. (John Slattery) e Matt Carroll (Brian D’Arcy James).

Se Il caso Spotlight è candidato a 6 premi Oscar, tra cui miglior film e miglior regia, è per un valido motivo: è un pugno nello stomaco!
Il film, scritto e diretto da Tom McCarthy, è ambientato a Boston, nei primi anni del 2000; racconta la storia della squadra di giornalisti “Spotlight” (“riflettori”) del Boston Globe, della sua indagine sugli abusi sessuali a danni di minori perpetrata da oltre 70 sacerdoti dell’arcidiocesi cattolica della città e di oltre 30 anni di casi insabbiati dalle autorità ecclesiastiche.

LA TRAMA

Tutto ha inizio con l’arrivo in redazione del nuovo capo editore Martin Baron, che si interessa ad un breve articolo sulle accuse di presunte molestie rivolte a un prete e sconfermate dall’arcivescovo Bernard Law.

“I knew virtually nobody at the paper and virtually nobody in town,” he said. Copies of the Globe were shipped to him in Miami before his move. While reading them, he saw an article about Father John Geoghan, who had been accused of abusing as many as eighty-four kids. “That was in the Metro section,” he told me. “And I was struck that I hadn’t heard about the case.”

Pur consapevole delle ripercussioni, la squadra comincia a scavare negli archivi e quello che trova è uno schema sistematico che si ripete da anni per casi come quello da cui sono partiti; le vittime denunciano il fatto, gli avvocati trovano accordi per mettere tutto a tacere in cambio di somme di denaro e le alte cariche della chiesa cattolica coprono i preti carnefici con trasferimenti, permessi per malattia, congedi…

 

Il team “Spotlight” nella vita reale
Il team “Spotlight” nella vita reale.

L’inchiesta si divide quindi su due fronti, da un lato parlare con le vittime e con gli avvocati per ottenere i nomi di questi preti, dall’altro la ricerca di prove che inchiodino l’arcivescovo come colui che sapeva ma ha preferito tacere. Le indagini procedono a rilento, non prive di ostacoli e buchi nell’acqua, ma nel gennaio del 2002 l’articolo viene pubblicato e come è giusto aspettarsi riscuote un clamore tale da vederlo vincitore del premio Pulitzer nel 2003 nella categoria “Public Service” e una lunga serie di approfondimenti sullo scandalo che divenne noto al mondo come il “Massachussetts Catholic sex abuse scandal”.

L’indagine del team portò anche alle dimissioni dell’arcivescovo Law, accusato di aver tenuto segreti i casi di pedofilia e alla quasi bancarotta dell’arcidiocesi di Boston. Il caso Spotlight, grazie alla sua risonanza globale, ebbe un effetto domino che portò a numerose inchieste in altre parti del mondo.

PERCHÉ ANDARE AL CINEMA

“The dam burst. There were all these victims who thought they were alone, suffering in silence. All of a sudden, they realized they were not alone. All of a sudden, a lot of them wanted to talk about it.”

Il film si conclude, come afferma Rezendes, all’inizio vero e proprio dello scandalo, centinaia di persone contattarono il Boston Globe per dare la propria dichiarazione sui preti accusati, fino a stimare più di 1000 vittime in 30 anni di abusi e silenzi. Nel giro di un anno furono scritti più di 600 articoli che raccontavano le storie di vittime e carnefici coinvolti.

Vedi anche

Brody-Curious-Generic-Journalists-Spotlight-690x460-1447173625

Il taglio sobrio del film è la cosa che più ho apprezzato; per quanto nulla venga omesso o descritto superficialmente, le tematiche delle molestie sessuali e delle conseguenze vengono trattate con quella delicatezza che, come affermavo all’inizio, è un pugno nello stomaco molto più forte di certe scene enfatiche da colossal hollywoodiano.
Questo film può e deve far riflettere il pubblico italiano più di altri, data la vicinanza fisica e non solo del Vaticano.

È un film che ci deve far pensare che, per quanto sia difficile da credere, ci sono persone tra i “buoni” che sono in realtà dei mostri; hanno un certo ruolo nella società e rappresentano una certa istituzione che in caso di reato non deve proteggerli, ma denunciarli e punirli come meritano, perché hanno, di fatto, rovinato la vita di intere famiglie.

Potrebbe esservi nata la domanda: “perché ne stiamo parlando su Bossy?”
Perché al netto del tema, c’è un messaggio al quale noi teniamo molto e che riteniamo la base del nostro lavoro: ci sono storie che vanno raccontate. Se accade un’ingiustizia e si ha il potere di parlarne per cambiare le cose, bisogna farlo. Ho voluto parlarvi di questo film perché sia sempre più chiara l’utilità di questo principio, anche applicata a situazioni che sembrano “distanti” da noi.

Proprio per questo, il mio consiglio è quello di andare al cinema, con la consapevolezza che non scoprirete nulla di nuovo sul fronte “Chiesa e pedofilia” ma che vi farete un’idea più precisa dei numeri allarmanti di questo fenomeno.

Per approfondire il caso vi lascio alcuni link utili:
La pagina dedicata al Boston Globe sul sito ufficiale del Pulitzer |clicca qui|
La timeline dei principali articoli pubblicati sul Boston Globe |clicca qui|
Leggi i commenti (1)
  • Ho pensato la stessa cosa quando sono uscita dal cinema.
    Questo film mi ha attirata sin dal trailer!
    Quando ho visto i titoli di coda, e proprio perché il film finisce all’inizio dello scandalo pubblico, ero carichissima e mi sono tenuta l’adrenalina addosso per un bel po’… dà un via a ragionamenti e infonde speranza.
    Vivo un’esperienza lavorativa che finirà di sicuro sui giornali, devo solo trovare la decisione di denunciare la situazione e devo farlo senza rischiare grosso.
    Un giorno, anche se saranno passati anni, otterrò giustizia e questo film, proprio perché lo scandalo avviene dopo tanto tempo dai fatti, ti mette addosso la fiducia che presto o tardi, tutto viene sempre a galla!
    Se posso, cercherò di non far passare così tanto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Associazione Bossy ® 2020
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita