Now Reading
Il partito conservatore sta attaccando i diritti delle persone trans per corteggiare ə elettorə transfobicə – afferma un’ ex-consigliera

Il partito conservatore sta attaccando i diritti delle persone trans per corteggiare ə elettorə transfobicə – afferma un’ ex-consigliera

L’inversione a U di Boris Johnson sulla protezione delle persone trans nel disegno di legge che vieterebbe le terapie di conversione è un tentativo di ammiccare ai Conservatori, afferma Jayne Ozanne.

Boris Johnson sta attaccando le persone transgender perché crede che ciò attragga ə elettorə conservatorə, ha affermato un’ex consigliera del comitato consultivo LGBTQ del governo. Il governo è stato criticato dai gruppi per i diritti LGBTQIA+ per aver escluso le persone transgender dal divieto delle terapie di conversione. Nella sua intervista a openDemocracy, Jayne Ozanne – una sopravvissuta alle terapie di conversione e presidente della coalizione #BanConversionTherapy (“Vietiamo le terapia di conversione”, NdT) – ha accusato il governo di prendere decisioni politiche riguardanti questioni LGBTQ a seconda di ciò che ritiene attragga il proprio elettorato.

“Downing Street crede che, in fondo, ə elettorə conservatorə siano contro i diritti delle persone transgender”, ha sostenuto, “e credo che stiano cercando di fare appello al cuore dell’elettorato, in un momento in cui pensano di essere più deboli”.

I ministri avevano inizialmente annunciato che il divieto a lungo promesso sarebbe stato del tutto cancellato, prima di fare un’inversione di marcia parziale poche ore dopo, impegnandosi a mettere fuori legge la terapia che tenta di cambiare l’orientamento sessuale di qualcuno, ma non la sua identità di genere.

Con “terapie di conversione” (chiamate anche “terapie riparative” o “terapie curative dei gay”) ci si riferisce a qualsiasi approccio o visione terapeutica che presuppone che un orientamento sessuale o identità di genere sia intrinsecamente preferibile a un altro, e che tenta di cambiare l’orientamento sessuale o l’identità di genere di qualcuno sulla base di ciò. In pratica, ciò significa cambiare l’orientamento o l’identità delle persone verso l’eterosessualità o verso l’identità cis. Questi tentativi vanno dalle terapie di conversazione – comunicando che la convinzione che l’orientamento sessuale o l’identità di genere di qualcuno siano sbagliati, disordinati o “peccaminosi” – per arrivare alla violenza fisica, comprese le percosse e il cosiddetto “stupro correttivo”. La pratica è considerata dannosa e inefficace dai professionisti medici, e dai sostenitori dei diritti umani, ed è già vietata in oltre 16 Paesi in tutto il mondo.

Ozanne era una dei tre membri del comitato consultivo LGBTQ del governo che si è dimesso nel marzo 2021, dicendo che all’epoca era “sbalordita da quanto ignoranti” fossero i ministri delle pari opportunità.
Il mese successivo il governo sciolse il comitato, formatosi sotto il governo di Theresa May.
A inizio Aprile i ministri sono stati costretti ad annullare la prima conferenza LGBTQ internazionale ufficiale del Regno Unito dopo il boicottaggio di oltre 100 organizzazioni.

“Il Primo Ministro sta prendendo di mira una delle comunità più vulnerabili e incomprese”, ha detto Ozanne a openDemocracy.

“Come persona al potere, credo che il ruolo principale del Primo Ministro debba essere quello di proteggere le persone più vulnerabili nella sua società. Invece, gioca sui miti e sulle paure, e fa l’esatto contrario”.

Il Partito Conservatore aveva promesso di porre fine alla terapia di conversione nel 2018. A ottobre, Liz Truss, ministra per le pari opportunità che ha redatto la politica originale sul divieto, ha affermato che “non dovrebbe esserci posto per questa pratica aberrante”. “Sono rimasta scioccata dalla parziale inversione di marcia perché questa ha dimostrato che la lobby ‘gender critical’, francamente, è stata ascoltata dal Primo Ministro molto più di medicə espertə, e in effetti, più deə suoə stessə ministrə”, ha affermato Ozanne.

La scorsa settimana, openDemocracy ha rivelato che ə ministrə si sono incontrati con gruppi che si battono contro i diritti dei trans prima della decisione di revocare il divieto. La parziale inversione di marcia del governo ha anche portato alle dimissioni di Ian Anderson dal ruolo di “Business Champion” LGBTQ (La persona per il ruolo di “LGBT Business Champion” viene nominata dal governo annualmente; e il suo compito è aprire un dialogo con le imprese, affinché la comunità LGBTQ sia tutelata nel mondo del lavoro, NdT). Anderson ha poi affermato che escludere le persone transgender dal divieto fosse divisivo.

“Il fatto che tutto ciò sia accaduto nella Giornata Internazionale della Visibilità Trans e nella settimana in cui il primo membro del parlamento a fare coming out come persona trans si è sentito in grado di parlare del proprio difficile viaggio è stato profondamente scioccante”, ha scritto nella sua lettera di dimissioni.
Un briefing ufficiale trapelato la scorsa settimana ha informato che il governo dovrebbe programmare il suo annuncio di abbandonare l’impegno sul disegno di legge, in coincidenza con il discorso della regina di quest’anno a Maggio, per “ridurre il rischio di sembrare che abbiamo individuato un problema esclusivamente LGBT”.

ə funzionarə hanno riconosciuto che il cambiamento nella politica segnalerebbe alla comunità LGBT che il governo “non è interessato alle questioni LGBT”. E il documento avverte che ci sarebbe una “rumorosa reazione da parte dei gruppi LGBT e di alcunə parlamentarə, quando annunciamo che non abbiamo intenzione di procedere”.

Boris Johnson ha dovuto affrontare attacchi anche da parte deə suoə stessə parlamentarə sulla decisione di rinunciare al divieto. La deputata conservatrice Dehenna Davison, che in Ottobre ha fatto pubblicamente coming out come bisessuale, ha affermato che il governo aveva infranto “una promessa esplicita”.

“Questa è una questione di decenza di base. Essere gay non è qualcosa che deve essere curato”, ha detto su Twitter.

Fonte
Magazine: Open Democracy
Articolo: Tories attacking trans rights to court transphobic voters, says ex-adviser
Data: 11 aprile 2022
Scritto da: Adam Bychawski
Traduzione a cura di: Caterina Fantacci
Immagine di copertina: Delia Giandeini
Immagine in anteprima: Pinterest

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Associazione Bossy ® 2024
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita