Intrattenimento

Il Web non gradisce la locandina del nuovo film di Biancaneve

Commenti (2)
  1. Avatar Tommaso ha detto:

    Bisognerebbe cominciare a capire cosa vuol dire la body positivity. Premesso che qualunque corpo è “bello” di per sé in un certo senso, perché è un’esperienza unica ed irripetibile, quello stesso corpo per essere apprezzato deve avere un motivo adeguato. Da come seguo il dibattito sulla body positivity rappresenta, per quanto mi riguarda, solamente un appiattimento del gusto, ed un artificio completamente avulso da quello che davvero è “bello” e “brutto”. L’arte e la narrativa insegnano in questo senso tantissimo, come ad esempio Bulkagov in Il Maestro e Margarita dove si fa dire: “che cosa farebbe il tuo bene, se non esistesse il male? E come apparirebbe la terra, se ne sparissero le ombre? Le ombre provengono dagli uomini e dalle cose. Ecco l’ombra della mia spada. Ma ci sono le ombre degli alberi e degli esseri viventi. Vuoi forse scorticare tutto il globo terrestre, portandogli via tutti gli alberi e tutto quanto c’è di vivo per il tuo capriccio di goderti la luce nuda? Sei sciocco.” così funziona anche per la bellezza ed i canoni estetici, sono i contrasti di cose diverse che rendono bello ciò che è bello e brutto ciò che è brutto, è l’esperienza del percorso che cambia a seconda di come le forme cambiano. La body positivity così com’è formulata non c’entra nulla in campo estetico, è un esercizio di stile senza basi, una teoria per radical chic avulsa dalla “carne” della realtà e che nemmeno si impegna troppo per andare a fondo delle questioni più importanti delle persone: come stare bene con loro stesse pur mancando. La bellezza e la bontà possono, e spesso sorgono, appunto, dalle mancanze, dai difetti, dal tempo che ci si è perso per prendersene cura, e dalla sofferenza che ne scaturisce nel mentre intesa come possibilità di altro. Se fosse tutto bello e buono non leggeremmo o guarderemmo niente di niente e tutto sarebbe piatto. E quindi sì, la domanda che si pone la locandina è sacrosanta, specialmente a livello educativo: cosa farebbe Biancaneve se fosse brutta e il principe non volesse baciarla? La regina cattiva sarebbe ancora così cattiva con Biancaneve? Può il principe innamorarsi di Biancaneve in altro modo? Può una brutta Biancaneve essere bella? Sono domande tutt’altro che scontate e semplici.

  2. Avatar derreavatar ha detto:

    Quando usci Shrek, 15 anni fa, il messaggio finale era condito di ovvio buonismo per famiglie: sei come ti senti a tuo agio di essere; nessuno si scandalizzò perchè Fiona voleva apparire ” bella” , anche se alla fine comprese di piacersi solo ” brutta” . Qui sarà la stessa storia alla melassa . Ma mentre 15 anni fa l’ uomo medio aveva un cervello , guardava il film e sorrideva adesso ha un mouse , Facebook e il rogo isterico-mediatico pronto . Infine, finiamola di dire che ” grasso è bello “, perchè l’ essere sovrappeso o obesi causa problemi oggettivi di salute ; come l’ essere sottopeso, peraltro.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *