Now Reading
L’osservatorio sulla lesbofobia: una piattaforma di risorse sulle lesbiche, per le lesbiche

L’osservatorio sulla lesbofobia: una piattaforma di risorse sulle lesbiche, per le lesbiche

Creato nel 2021, l’Osservatorio sulla lesbofobia è un centro di documentazione e risorse online sulla lesbofobia e sui percorsi lesbici. Abbiamo incontrato Sarah, cofondatrice dell’Osservatorio.

L’Osservatorio sulla lesbofobia, creato nel 2021, è una struttura volontaria e indipendente la cui missione è ricevere testimonianze sulla lesbofobia, diffondere una serie di risorse sulle lesbiche, rendere più visibili le loro esperienze e i loro percorsi e fare appello alle autorità pubbliche e alla società. Ha ricevuto il sostegno del LIG (il fondo di dotazione per femministe e lesbiche).

Per cominciare, può spiegare perché ha creato questo osservatorio? Perché avete abbandonato il vecchio formato “Paye ta Gouine”*?

Sarah: “Paye Ta Gouine” è stato lanciato nel 2018 e fa parte del movimento per la libertà di parola sulla violenza contro le donne (dopo “Paye ta Shnek”). Il nostro obiettivo era quello di creare uno spazio per trasmettere la parola delle lesbiche sulla lesbofobia sperimentata nella vita quotidiana, poiché la lesbofobia è un fenomeno sociale poco conosciuto. La raccolta e la pubblicazione di testimonianze online è stata il punto di partenza di un progetto più ampio, volto a evidenziare la lesbofobia come esperienza sociale comune.

Dopo 3 anni, ci siamo resi conto che questo era un primo passo e che il formato del social network era limitato per noi; volevamo proporre qualcosa di diverso. Con l’Osservatorio vogliamo arricchire queste testimonianze con un insieme di risorse (culturali, accademiche, associative e istituzionali) sulla lesbofobia e sui percorsi delle lesbiche. L’obiettivo principale è quello di rendere visibili le lesbiche condividendo le loro esperienze e di sensibilizzare la società nel suo complesso, e le autorità pubbliche in particolare, su ciò che la lesbofobia comporta.

Che cosa si intende per ” percorsi lesbici”? Perché avete scelto di renderli visibili?

Per percorsi lesbici intendiamo esperienze e realtà. Proponiamo ancora un modulo online per raccogliere testimonianze di lesbofobia, ma volevamo integrare queste testimonianze anonime con una serie di risorse culturali, ad esempio: podcast sui percorsi verso la Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), sulla questione del coming out, sulla salute… L’idea era di riunire i contenuti sulle esperienze delle lesbiche, che comprendono la lesbofobia. Abbiamo anche voluto promuovere diverse risorse per presentare una panoramica di ciò che esiste attualmente in Francia sull’argomento. La realtà è che le lesbiche sono invisibilizzate. Per questo motivo abbiamo voluto mettere insieme tutte le informazioni più disparate che li riguardano. Le lesbiche sono presenti e visibili quando si sa come guardare e dove guardare.

Una domanda più generale: perché parlare di lesbofobia piuttosto che di omofobia?

Il termine “omofobia” copre la discriminazione e la violenza contro gay e lesbiche e tende a rendere invisibili le esperienze delle lesbiche. Nel 1998, gli attivisti della Coordination Lesbienne en France hanno creato il concetto di “lesbofobia” per sottolineare lo stigma sociale e la violenza che colpisce in particolare le lesbiche a causa del loro genere e della loro sessualità. La lesbofobia è un’esperienza sociale che ha le sue peculiarità, e le testimonianze che raccogliamo e pubblichiamo illustrano molto bene le sue diverse manifestazioni.

Con il matrimonio per tutt* (2013), l’apertura della PMA alle coppie lesbiche in particolare (2021), e considerando l’omofobia e la lesbofobia imperanti dell’epoca, si ha l’impressione che ci sia stata una liberazione del discorso intorno alla lesbofobia o, al contrario, un’esplosione di violenza? Questi progressi hanno cambiato qualcosa a livello di libertà d’espressione?

Ciò che è certo è che non appena si verifica un progresso sociale di questo tipo, è inevitabile che si verifichi un contraccolpo, quello che noi chiamiamo “backlash”. Maggiore è la visibilità, maggiore è il contraccolpo contro questi progressi sociali e le persone coinvolte. All’epoca delle discussioni su queste due proposte di legge, abbiamo assistito a una banalizzazione del discorso lesbofobico.

Per quanto riguarda il trattamento mediatico della PMA, le lesbiche sono state raramente, per non dire mai, consultate nel contesto di questa proposta di legge, soprattutto dai media. La parola “lesbica” non è stata usata, soprattutto da Emmanuel Macron; si è parlato di “coppie di donne”, “donne che amano le donne”… Ciò che è paradossale è che si trattava di una proposta di legge che si rivolgeva alle lesbiche, e abbiamo assistito a un’invisibilizzazione delle prime persone interessate quando si è discusso dell’argomento.

C’è un’evoluzione in atto: ci sono sempre più contenuti, ad esempio nei film. A livello culturale, qualcosa si sta muovendo. Ma c’è ancora molto da fare. Questo è anche il contesto in cui opera l’Osservatorio: prendere in considerazione le lesbiche, nominarle per porre fine al tabù che circonda la parola e riabilitarla in modo positivo. Sulla nostra homepage abbiamo inserito un visual: “Come definirsi lesbica in una società eterosessista”, perché definirsi “lesbica” non è una cosa semplice e rimane complicato per molte lesbiche. La parola è ancora connotata negativamente, soprattutto perché si riferisce alla cultura pornografica. C’è quindi una sfida intorno all’uso della parola “lesbica”.

Ad esempio, il termine lesbofobia è apparso nel dizionario nel 2015 e rimane molto poco utilizzato. L’anno scorso, nel 2021, la ministra per l’uguaglianza di genere Elisabeth Moreno ha tenuto un discorso nella giornata della visibilità lesbica e ha usato più volte le parole “lesbica” e “lesbofobia”, ma rimane un discorso molto marginale.

Ci auguriamo che il sito dell’Osservatorio venga consultato dalle lesbiche e che sia uno spazio di informazione e sensibilizzazione per tutta la società. Vogliamo che sia un sito di risorse sulle lesbiche, per le lesbiche, e che contribuisca al riconoscimento della lesbofobia come forma di violenza a sé stante.

* “Paye Ta Gouine” era un Tumblr presente su diversi social network che raccoglieva testimonianze di lesbofobia.

** “Paye ta Shnek” ha raccolto le testimonianze delle vittime di molestie per strada

 

Fonte
Magazine: Les Ourses à plumes
Articolo: L’OBSERVATOIRE DE LA LESBOPHOBIE : UNE PLATEFORME DE RESSOURCES SUR LES LESBIENNES, POUR LES LESBIENNES
Scritto da: Clara Joubert
Data: 22 aprile 2022
Traduzione a cura di: Charlotte Puget
Immagine di copertina: Unsplash
Immagine in anteprima: freepik

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Associazione Bossy ® 2024
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita