In evidenza

Make-up genderless… ce la possiamo fare?

Commenti (1)
  1. Gioia ha detto:

    Ciao, gran bel articolo.
    Concordo in pieno con tutto ciò che hai scritto, non dovrebbero esserci collezioni per uomini e per donne, i trucchi sono unisex, possono essere utilizzati da tutti. Penso che Chanel abbia solo trovato un modo facile per fare soldi in questo momento, ma la loro collezione è totalmente sbagliata: in pratica stanno dicendo che un uomo può essere accettato se utilizza i determinati prodotti che loro stanno vendendo ma che nel caso in cui usasse (ad esempio) un ombretto viola, non sarebbe considerato “”” uomo “”””.
    L’unica cosa che vorrei, davvero, è che le persone si sentissero più confidenti col loro corpo e che non sentissero di DOVERSI truccare, specialmente se questo implica dover usare strati e strati di trucco (che comunque non fanno bene alla pelle). Vivo in Irlanda e qui le ragazze si sentono obbligate ad indossare strati e strati di trucco (+ ciglia finte + abbronzatura finta + unghie finte) per essere più socialmente accettate. Quindi sì, viva il trucco, ma con moderazione. Il trucco serve a renderci più confidenti, ma come hai scitto tu, dovrebbe esserci la libertà di scegliere se truccarsi o meno, senza pregiudizi o aspettative.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *