Stai leggendo
Perché la nuova Sirenetta vi fa arrabbiare tanto?
Dark Light

Perché la nuova Sirenetta vi fa arrabbiare tanto?

Redazione

Articolo di Rachele Agostini

Si chiama Halle Bailey. Ha diciannove anni, un viso dai lineamenti dolcissimi e una voce incantevole.

Fino a qualche giorno fa godeva di una fama relativamente circoscritta, conosciuta principalmente negli Stati Uniti e dal pubblico dei giovanissimi come membro del duo Chloe x Halle (formato per l’altra metà da sua sorella maggiore), ma si è ritrovata improvvisamente al centro dei discorsi dei giovani di tutto il mondo, in una sorta di follia che ha investito l’internet trasversalmente su ogni piattaforma social a metà della scorsa settimana, e che soltanto ora accenna a calmarsi. Quel che è successo (nel caso in cui aveste vissuto nel deserto fino a oggi o non foste molto social) è intuibile dal titolo dell’articolo.

Halle Bailey è, ufficialmente, Ariel. Proprio quella Ariel, la Sirenetta che dà il nome al film d’animazione del 1989, e che tornerà protagonista l’anno prossimo nel remake live action diretto da Rob Marshall, a cui la Disney ha cominciato a lavorare lo scorso anno.

 

Poco dopo l’annuncio del casting, mentre molti in rete già parlavano di “oltraggio alla tradizione”, ha iniziato a circolare questa immagine, in cui già fanno la loro comparsa i capelli rossi resi iconici dall’animazione Disney

 

Come si diceva, Halle Bailey è giovane, con un viso dolce e una voce bellissima. Sembrerebbe avere le carte in regola per interpretare questo personaggio, eppure a tante, tantissime persone questa scelta proprio non è andata giù. Al punto che sono già molte le petizioni per il cambio di casting e – ancora prima del rilascio di qualsiasi tipo di materiale promozionale – le campagne di boicottaggio nei confronti del film (lo spiacevolissimo hashtag #NotMyAriel ha preso piede con una velocità e una potenza sconcertanti).
È inutile girarci intorno, quello che disturba così tante persone è il colore.

Per la precisione i colori di Halle, che è afroamericana, e al disegno animato di Ariel di trent’anni fa non somiglia per niente.

Mettiamolo in chiaro subito, prima di addentrarci in riflessioni più complesse: affermare che chiunque non apprezzi la scelta di una sirenetta afroamericana sia inequivocabilmente e automaticamente razzista (come qualcuno ha fatto in risposta alla sopracitata follia social) non ha senso.
Nei limiti della decenza – quindi non quando si arriva a petizioni e campagne di boicottaggio sui social – essere attaccati all’immagine di un personaggio che ha segnato la propria infanzia, ed essere presi in contropiede se la suaversione viva non gli corrisponde affatto, è legittimo.
Soprattutto partendo dal presupposto che la favoletta del “i remake live action sono un modo di riavvicinare le nuove generazioni alle nostre storie” che la Disney continua a propinare è davvero poco credibile, mentre appare piuttosto chiaro che il vero intento dei vertici della compagnia sia quello di monetizzare la nostalgia dei bambini ora giovani adulti che con quei film sono cresciuti, incassando grandi introiti senza dover fare lo sforzo di inventare nuove storie.

Dov’è, allora, il problema?
È molto semplice: si trova nei concetti spettacolarmente inesatti che la maggior parte di questi fan scontenti continua a tirare in ballo, sistematicamente, lamentandosi della scelta della protagonista. Concetti che possono essere riassunti in due diverse frasi, che ora proveremo ad analizzare (e confutare).

 

Queste polemiche, sebbene particolarmente infuocate nei giorni scorsi, non sono in realtà affatto nuove. Si erano già presentate in questa stessa modalità quando alcuni rumors volevano nel ruolo Zendaya (che sta già affrontando una simile controversia in quanto nuovo volto di MJ, fidanzata di Spiderman – anche lei bianca e con i capelli rossi secondo il canone dei fumetti)

 

“Ariel non può essere nera, perché è danese.”

Questa prima affermazione è contemporaneamente illogica e inesatta, per una serie di ragioni precise.

Anzitutto, etnia e nazionalità sono due concetti molto ben distintiNera è un’etnia, danese una nazionalità. Da un punto di vista dialettico questa frase suona sensata più o meno quanto dire “Ariel non può essere nera, perché è alta”.
L’etnia di appartenenza non è indissolubilmente legata alla nazione da cui si proviene, e seppure siano una minoranza, in Danimarca ci sono persone danesi che non hanno la pelle bianca. Ariel può essere nera e danese.

Secondariamente, e forse più importante, Ariel non è danese.
Certo, è danese Hans Christian Andersen, autore della fiaba da cui la Disney ha preso ispirazione. Certo, la fama dell’opera è motivo di orgoglio e quasi un simbolo dell’identità nazionale del Paese.
Le vicende narrate, però, non hanno una collocazione geografica precisa nell’opera originaria, ne hanno ancor meno nel lungometraggio d’animazione Disney, che di quel racconto ha cambiato praticamente tutto. Anzi, non è necessario fare molta attenzione per notare (nel cartone) elementi che di certo non sono nordeuropei: l’accento giamaicano del granchio Sebastian, la musica calypso (tipica dei caraibi) e la comparsa di palme e fenicotteri sono soltanto alcuni esempi.

 

La dimostrazione ulteriore che la nazionalità dell’attrice in realtà non importa proprio a nessuno sta nei tanti nomi che vengono continuamente tirati in ballo come “scelte migliori”: Sophie Turner, Holland Roden e altre ancora, anche se nemmeno una di loro proviene dalla Danimarca

 

“Sarebbe come prendere un’attrice bianca per interpretare Mulan”

Oppure Tiana, Pocahontas, Jasmine, Moana.
Tutte le principesse non bianche create dalla Disney (che dalla comparsa di Biancaneve nel 1937 ad oggi sono soltanto cinque, comunque) sono state trascinate in questo paragone, che è figlio di una drammatica incapacità di contestualizzare le storie.

Non sarebbe la stessa cosa, nemmeno per scherzo. Perché un conto è il valore sentimentale che l’apparenza di un personaggio ha per i destinatari di una storia, mentre tutt’altro è il suo valore narrativo.

Pocahontas è una nativa americana realmente esistita, Mulan è un’eroina della Cina imperiale ispirata dal folklore cinese. La loro storia, come quella di tutte le altre principesse non bianche sopracitate, è legata alla loro etnia (questo, peraltro, dovrebbe portare a riflettere su una certa disparità: quando non è assolutamente indispensabile, non si sceglie mai qualcosa di diverso dall’etnia caucasica). La loro storia ha bisogno di una certa apparenza del personaggio protagonista per funzionare.

Vedi anche

Se parliamo di Ariel, invece, parliamo di una sirena. Una creatura mitologica che ha per metà il corpo di un pesce. Un personaggio che – come già detto – non sappiamo da dove venga. La sua storia non ha bisogno di colori specifici per avere senso (tanto che la stessa Disney ha già cambiato i colori del personaggio originale, che aveva i capelli biondi e gli occhi color acquamarina, nella realizzazione del cartone).

 

Volendo spostarsi dal discorso etnico con un esempio diverso, una Mulan bianca sarebbe insensata quanto una Rapunzel che fin dall’inizio ha i capelli castani, perché il biondo della sua chioma è legato strettamente alle vicende di cui è protagonista.

 

Concludendo, la sostanza del discorso è che per quanto il disappunto possa essere legittimo – sempre se espresso con toni pacati ed educati – bisogna prestare molta attenzione ai termini e alle circostanze in cui lo si esprime, perché passare dalla parte del torto è questione di un secondo.

Anzi, la conclusione più importante è un’altra.

Il legame sentimentale e il possesso malato sono due cose ben diverse, anche quando si tratta di storie.
Il primo non si sente minacciato da una versione nuova, qualunque essa sia, e non è difficile da abbandonare in favore del desiderio che qualcuno di diverso da noi si possa sentire “messo al centro” – soprattutto se al centro non c’è stato quasi mai.

 

“Da ragazza bianca coi capelli rossi […] Ariel ha cambiato il mio mondo. Le battute cattive sono finite, hanno iniziato a invidiarmi per i miei capelli. E sapete cosa? Vorrei che le bambine nere potessero avere la stessa esperienza con la nuova Ariel.”

La generazione dei venti/trentenni ama vantarsi dei valori che le sono stati trasmessi dai cartoni Disney, e se ce n’è uno che nella storia della Sirenetta spicca particolarmente è proprio quello dell’inclusività, della bellezza di andare incontro a ciò che è diverso da noi.
A voler guardare ancora meglio e ritornare all’origine della storia, poi, si scopre che Andersen scrisse dell’amore proibito tra un principe e una sirena come allegoria della propria omosessualità.

Insomma, se i primi sentimenti che avete provato scoprendo che la nuova Sirenetta scelta dalla Disney è diversa sono rabbia e rifiuto, lasciatevelo dire: forse il cartone dovreste andare a riguardarlo per bene.

In copertina un’illustrazione di Nilah Magruder

Associazione Bossy ® 2020
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita