Promettimi che non finiremo così: “Pigiama, computer e biscotti” di Alberto Madrigal

NELLE PUNTATE PRECEDENTI: noi di Bossy abbiamo intervistato l’anno scorso Alberto Madrigal per farci raccontare quella che allora era la sua “trilogia berlinese” – trittico di graphic novel composto da “Un lavoro vero”, “Va tutto bene” e “Berlino 2.0”. Proprio…

Lamiere, dignità e ONG: il graphic journalism necessario di Deninotti, Fontana, Ruvidotti

“La storia ci dice che non è affatto cosa scontata che lo spettacolo della miseria spinga gli uomini alla pietà.” Questa frase di Hannah Arendt – che oggi come non mai suona incredibilmente attuale – rappresenta anche una fulgida sintesi…

Il coraggio illustrato di “Io sono Una”

“Io sono Una” (titolo originale: “Becoming Unbecoming”) è il primo graphic novel di Una, artista britannica che proprio grazie a questo suo esordio nell’Arte Sequenziale ha ottenuto il riconoscimento di Oprah.com come miglior memoir del 2016. Add editore si assume l’onere…

Cinzia di Leo Ortolani: pensavo di no e invece…

È il 1997 e io sono a una delle mie prime fiere del fumetto, a Milano. Incrocio in uno stand un giovane Leo Ortolani che mi disegna il suo personaggio di punta, tale Rat-Man. Qualche anno dopo vanto una discreta…

Non è te che aspettavo: leggerezza e sincerità per raccontare la Sindrome di Down

Chissà quanti fumettisti in potenza ci sono là fuori. Persone cresciute con la passione per questo genere letterario (ehi, mica lo dico io, lo dice Will Eisner) e magari anche piuttosto abili col disegno, che per un motivo o per…

In anteprima: “Stella di mare” di Giulio Macaione

No, non ce la faccio. Una buona critica di un’opera richiederebbe una sufficiente dose di oggettività, al netto del filtro interpretativo che necessariamente dipende dall’individuo che la esercita. Invece stavolta mi spiace, ma no, non ce la faccio ad essere…