Stai leggendo
Come essere un* buon* alleat* di una persona in transizione?
Dark Light

Come essere un* buon* alleat* di una persona in transizione?

Redazione

Hai notato che c’era qualcosa di speciale in lui/lei, ma non sapevi cosa fosse. Oggi finalmente te ne parla: è una persona trans! Come reagire in modo appropriato a questa grande notizia? Ecco alcuni consigli su come essere il/la miglior* alleat* possibile.

Adottare immediatamente il nome, il pronome e gli accordi scelti dalla persona

L’uso del nome e del pronome scelto è una questione di elementare rispetto. Naturalmente, all’inizio potreste sbagliarvi; ma se avete accettato sinceramente di fare questo sforzo, ci vorrà poco tempo. Se commettete un errore, scusatevi senza troppe storie e riprendete la conversazione usando il nome, il pronome o l’accordo corretto. Idealmente, sarà importante usare il suo nome e il suo pronome anche quando non è presente. Tuttavia, fate attenzione a non rendere pubblica l’identità di una persona trans a persone che non sono ancora a conoscenza di questa notizia. Chiedete loro con chi ne hanno già parlato e fate molta attenzione perché sono in gioco la loro sicurezza e il loro benessere. Il pronome che una persona trans sceglie può essere “lui” o “lei”, ma può anche essere qualcos’altro. Queste piccole parole sono molto importanti!

Supportare

Imbarcarsi in una transizione è una grande sfida, con i suoi ostacoli e i suoi rischi. Ma è anche il momento in cui la persona trova finalmente la sua vera identità, il che spesso la fa sentire meglio e più felice. Per questo motivo non si dovrebbe essere devastati da tali notizie, ma piuttosto accoglierle con positività. Alcuni parlano della “morte” della persona che conoscevano prima della loro transizione. Anche se c’è un elemento di lutto perché la persona che ami cambierà molto, resta ancora la persona che conoscevi e non è molto rispettoso seppellirla in questo modo. L’euforia di genere è la sensazione di essere felici per i cambiamenti nella transizione. Condividete la gioia della persona amata!

Imparare e ascoltare

I problemi delle persone trans sono ancora poco conosciuti e non c’è da vergognarsi di non esserne consapevoli, ma è essenziale mettersi rapidamente al passo. Prendetevi il tempo di leggere o di informarvi. Questo consiglio vale anche se non avete un familiare o un amico in transizione, perché un giorno incontrerete sicuramente una persona trans. La persona che può fornirvi le migliori informazioni è il/la dirett* interessat*. Lasciate che ve ne parli e ricordate le informazioni che vi darà di giorno in giorno; potete anche scriverle su un piccolo quaderno e leggerle regolarmente, in modo che non debba ripetersi. Non fate domande invadenti, per esempio sui suoi organi genitali. Sarebbe inopportuno.

Nessun consiglio, nessun ordine restrittivo

Ora che siete ben informati, non applicate le regole generali al caso specifico. Ogni viaggio è diverso e ha un suo ritmo. Lasciate che la persona avanzi passo dopo passo e faccia le proprie scelte, che potranno anche non essere convenzionali. Naturalmente, se vi chiedono un consiglio, rispondete nel miglior modo possibile.

Il “passing” consiste nell’adottare un’apparenza conforme a un genere. Può essere importante per una persona, così come può essere irrilevante. Anche se vi sentireste più a vostro agio se la persona “assomigliasse” al genere che sente, non spingetela ad assumere un determinato aspetto o fisico. Il corpo è suo e tali sono le sue scelte!

Attenzione: anche un complimento può essere visto come un’ingiunzione. Fate in modo che non si sentano “meglio” con questo o quell’aspetto.

Sostenere la persona nella sua vita quotidiana

Non tutt* saranno necessariamente rispettos* durante e dopo una transizione di genere. La persona può stancarsi di sentirsi chiamare con i nomi e i pronomi sbagliati o di rispondere sempre alle stesse domande. Con il suo consenso, prendete in mano la situazione e mostrate tutta la pedagogia di cui siete capaci.

Se la persona in questione viene respinta dalla sua famiglia, potrebbe aver bisogno di un aiuto: soldi, alloggio… Non esitate a usare le vostre conoscenze sui social network per ottenere aiuti (sempre con il suo consenso, naturalmente). È possibile che soffra anche nel periodo natalizio o nel giorno del suo compleanno: siate loro di conforto in questi periodi.

Vedi anche

La transfobia è un’oppressione molto grave. È legittimo arrabbiarsi se qualcuno oltrepassa il limite.

Sostenere i diritti delle persone trans

I pregiudizi sono difficili da combattere. Contrastarli informando la gente sulle diverse identità di genere è un compito noioso ma essenziale. Cogliete ogni occasione per condividere le vostre nuove conoscenze con chi vi circonda. Naturalmente, lasciate sempre parlare le persone trans che hanno l’energia per farlo da sole.

Per quanto riguarda la legge, le persone trans sono ancora lontane dall’avere accesso ai loro diritti fondamentali. Fate conoscere le loro richieste con tutti i mezzi e sostenete le persone amate ad affrontare gli ostacoli che si presenteranno.

Fonte
Magazine: Les Ourses à plumes
Articolo: COMMENT ÊTRE UN-E BON-NE ALLIÉ-E AVEC UN-E PROCHE QUI TRANSITIONNE ?
Data: 14 luglio 2020
Scritto da: L’épicène
Traduzione a cura di: Charlotte Puget

Leggi i commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Associazione Bossy ® 2020
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita