Stai leggendo
Pride Month e studenti queer: l’importanza delle comunità virtuali durante la pandemia da COVID-19

Pride Month e studenti queer: l’importanza delle comunità virtuali durante la pandemia da COVID-19

Facciamo parte di un team di ricerca collaborativo focalizzato sulle disuguaglianze di salute vissute dalle persone 2SLGBTQ+ e sappiamo che la discriminazione, i problemi di benessere mentale, e l’isolamento sono la realtà quotidiana per molte persone queer, in tutto il mondo. (NdT, in questo acronimo sono incluse anche le persone Two Spirit “2S”, un termine che si riferisce a individui delle comunità indigene e native del Nord America e alla loro identità di genere: questo articolo e questo video possono aiutare ad approfondire).

Allo stesso tempo, ci stupisce assistere alla gamma di strategie creative messe in atto dalle comunità queer in Canada, e nel mondo, mentre ci sforziamo di mantenere connessioni sociali durante questa pandemia.

Le persone queer stanno mostrando, come hanno cantato Tammi Terrell e Marvin Gaye (e Diana Ross) che “non c’è una montagna alta abbastanza” che possa tenerci separati gli uni dagli altri.
Avvicinandoci al Pride Month, notiamo le sfide affrontate dagli studenti queer durante la pandemia e riflettiamo anche su come la teoria queer e disability justice devono contribuire alla nostra consapevolezza di quanto sia importante rimanere in contatto per gli studenti queer.

Le sfide per gli studenti queer

Le misure in risposta alla pandemia di COVID-19 possono influenzare negativamente il benessere e la salute delle persone queer. Uno studio su come il distanziamento sociale potrebbe influenzare le persone gay, bisessuali, queer, trans e two-spirit in Canada ci fa notare che “il distanziamento può esacerbare le conseguenze negative sulla salute mentale” – questo perché il sostegno sociale da parte di amicə, familiari, e partner è un noto fattore protettivo contro gli esiti negativi sulla salute mentale tra le persone queer.

Alcunə studenti queer non hanno più accesso alle risorse queer-friendly e reti sociali che un tempo il campus universitario metteva a disposizione. Moltə hanno trovato rifugio in spazi accademici, come club studenteschi e gruppi di ricerca, e si sono sentitə sollevatə dalla ritrovata indipendenza dalla famiglia. Anche gli eventi “di persona” per i Pride sono stati cancellati, diventando digitali.
I dati suggeriscono che in Canada, ə studenti universitarə stanno avendo problemi che affliggono la loro salute mentale a causa della pandemia.

ə studenti laureatə che si identificano tra le minoranze possono sperimentare ulteriori fattori di stress associati a forme di oppressione basate sul proprio genere o sulla propria sessualità e forme di oppressione che si possono combinare tra loro, come razzismo, colonialismo, sessismo, classismo e abilismo, per non parlare degli effetti disuguali della pandemia su comunità nere ed economicamente svantaggiate.

Sfortunatamente, con le restrizioni per la pandemia, si potrebbe essere costrettə a tornare in ambienti, come la famiglia dove si è natə o cresciutə, dove essere “out” non è possibile o sicuro.
Oltre a ciò, da molti studenti di dottorato le università si aspettano che questi diano la priorità agli studi, rispetto alla vita personale, per essere altamente competitivə. Vi è ​​una mentalità “o fai ricerca o muori” quando entrano nel mercato del lavoro accademico, il tutto nonostante la pandemia.

Famiglie di scelta

Le persone queer hanno una lunga storia di lotta e resilienza, verso le nostre specifiche difficoltà. Ci re-immaginiamo chi è responsabile di prendersi cura l’unə dell’altrə.
Ad esempio, le persone queer hanno imparato a costruire e fare affidamento su “famiglie di scelta”, legami composti da membri al di fuori delle relazioni biologiche e legali, sviluppati per sopravvivere in mezzo a società eteronormative.

Le persone queer spesso devono fare “code-switching” – ovvero cambiare il modo in cui ci presentiamo e nascondere parti del nostro autentico io – quando condividiamo lo spazio con gli altri nella vita di tutti i giorni per passare come etero (o almeno, “meno gay”), compresi i social online e obblighi familiari durante la pandemia.

I nostri studi accademici si basano sulla teoria queer per destabilizzare l’eterosessualità come norma, per interrogare e distruggere i vari modi in cui le persone queer incontrano l’oppressione, e trovano invece modi per costruire solidarietà. La disability justice ci insegna anche il valore dell’interdipendenza, ricordandoci che nessuno può farcela da solo.

Trovare modi per rimanere in contatto

ə studenti queer stanno sfruttando il potenziale delle tecnologie digitali e stanno trovando modi per esprimersi, accedere a reti di supporto e mantenere un senso di appartenenza. Le persone queer devono ricreare l’essenza degli spazi fisici sicuri perduti, attraverso mezzi virtuali che sono unici tra le innumerevoli chiamate Zoom e le serate di Jackbox Games che tuttə sembrano avere.
Nelle nostre esperienze nel vivere la pandemia come studenti queer, abbiamo trovato supporto e guida da altri studenti e docenti queer. Abbiamo preso ispirazione da ciò che l’attivista per la disability justice e artista Leah Lakshmi Piepzna-Samarasinha definisce “reti di cura”, nei suoi scritti su “un movimento che centra la vita e la leadership di persone queer, trans, nere e POC, malate e con disabilità”.

Da un punto di vista della disability justice, essere consapevoli delle nostre interconnessioni significa cercare modi responsabili e di base per prendersi cura gli uni degli altri e formare comunità. Ci rivolgiamo a coloro che potremmo non conoscere per favorire una connessione e assicurarci che stiano bene.

Queste reti di cura sono indispensabili. Con un team interdisciplinare di persone queer, discutiamo di argomenti relativi agli studi queer e parliamo dei progressi del nostro lavoro. Ci inviamo consegne di pasti a vicenda, mangiamo virtualmente insieme, collaboriamo alle pubblicazioni e lavoriamo contemporaneamente per ore e ore.

Insieme, sfidiamo la nozione di “business as usual” nel mondo accademico durante la pandemia, ad esempio, sfidando le classiche nozioni di produttività. Allo stesso tempo, proviamo gioia per il successo reciproco e miriamo a promuovere una comunità in cui ci prendiamo cura a vicenda, e uno spazio in cui le persone possano essere autenticamente se stesse.

Adattamento Queer per prosperare

Siamo anche consapevoli che alcune persone queer non hanno accesso alle reti e al supporto necessario per prosperare nelle loro vite.
Poiché le università e le reti queer esistenti guardano avanti nel sostenere ə studenti queer, è essenziale che le comunità di persone e alleatə queer facciano spazio a voci e narrazioni emarginate che entrino a far parte delle discussioni sui risultati di salute e benessere deə studenti, sul supporto e sulla pandemia. Dobbiamo considerare coloro che potrebbero essere più colpiti da rischi e disuguaglianze sistemiche, compresi quelli senza privilegi di classe, le persone queer nere e di altre minoranze etniche, e le persone queer con condizioni di salute croniche.

Riteniamo che la ricerca dei nostri colleghi, come il lavoro svolto per aumentare la capacità dei fornitori di servizi sanitari e sociali di provvedere, in modo informato e consapevole, cure per le persone 2SLGBTQ+, possa contribuire a questo. Recenti ricerche sulle implicazioni della pandemia da COVID-19 sulle comunità LGBTQ portano alla luce i vari modi in cui le persone queer stanno affrontando la precarietà nella pandemia negli Stati Uniti e nel mondo: ad esempio, gli uomini gay e le persone transgender corrono un rischio maggiore di subire violenze. In Canada, Benjamin Bongolan e Jc Elijah M. Bawuah fanno notare che le voci giovani queer di etnie minoritarie devono essere ascoltate quando si considerano gli effetti della COVID-19, anche quando si considerano i problemi di abuso domestico o violenza generale.

Per generazioni, le persone queer hanno dimostrato la loro capacità di adattamento a navigare nella vita al di fuori dello status quo, trovandosi e sostenendosi a vicenda. I nostri modi creativi e bizzarri di promuovere la resilienza non sono però impermeabili alle condizioni sociali discriminatorie. Continueremo, al meglio delle nostre capacità, questa eredità di adattamento queer per prosperare in mezzo alle avversità. Trovare modi per rafforzare ed espandere in modo creativo le nostre reti di assistenza non è mai stato così importante come lo è ora.

Fonte
Magazine: The Conversation
Articolo: Pride Month and queer students: Why creatively drawing on virtual community during COVID-19 matters
Scritto da: David J Kinitz e Alan Santinele Martino
Data: 25 maggio 2021
Traduzione a cura di: Caterina Fantacci
Immagine di copertina: Edwin Hooper
Immagine in anteprima: freepik

Leggi i commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Associazione Bossy ® 2024
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita