Intrattenimento

Le voci silenziate: la letteratura femminile italiana tra Sette e Ottocento

Articolo successivo
Star Trek: beyond feminism
Commenti (1)
  1. Avatar Au ha detto:

    Vi seguo tanto, apprezzo e condivido (non solo su fb, ma a che con la coscienza) la maggior parte dei vostri articoli. Ma questo in particolare occuperà in posticino nel mio cuore. Ho sempre pensato che, sí è vero, magari le donne non ricevevano dalla società gli stessi stimoli degli uomini, ma anche che è nostra colpa aver dimenticato quei coraggiosi spiriti liberi che volavano nonostante tutto.

    Consiglio di lettura.
    ISABELLA MORRA, meravigliosa poetessa cinquecentesca vittima di una doppia discriminazione: donna e meridionale (di Valsinni, in Basilicata). Scoperta con enorme entusiasmo da Benedetto Croce, viene ignorata dalla maggioranza dei libri di testo, oppure solo frettolosamente menzionata.

    Davvero, troppe poche donne, ma quanti autori meridionali contiamo nei nostri libri di testo?

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *