Stai leggendo
Luciana Littizzetto, le donne grasse non sono belle comunque
Dark Light

Luciana Littizzetto, le donne grasse non sono belle comunque

Redazione
Articolo di Chiara Meloni

Più leggo di femminismo, body positivity e fat acceptance e più mi sento una guastafeste, l’amica puntigliosa che deve sempre farti notare cosa ci sia di sbagliato in messaggi apparentemente innocui e positivi.

Qualche giorno fa, tramite la pagina Instagram del progetto Belle di faccia, ho dovuto chiamare in causa Luciana Littizzetto.
Perché? Per aver dichiarato: “Comunque volevo dire a quelle donne che hanno qualche chilo in più che sono belle”. In molte la stavano ringraziando e citando, felici di questo suo messaggio, eppure io non potevo fare a meno di visualizzare una scritta a neon, alta quanto l’Empire State Building, in cui lampeggiava la parola “sticazzi”.

Eh sì, sticazzi! Perché dovrebbero interessarmi le parole di Mika “Big girl, you are beautiful” e se Luciana Littizzetto mi trova bella anche se ho qualche chilo in più (di preciso quanti, Luciana?)? Perché dovrei sentirmi rincuorata da un uomo eterosessuale random che mi scrive su Instagram di non preoccuparmi, tanto a lui piacciono i culoni?

Se analizziamo il contesto in cui Luciana Littizzetto ha detto quelle cose, poi, sento che i miei livelli di puntigliosità riescono a superare il limite consentito dal vivere civile: il suo post su Instagram, dove cita se stessa e la sua frase motivazionale, è infatti conseguenza di un suo intervento al programma “Che tempo che fa”, in cui ha raccontato di come la sua persona sia stata utilizzata, a sua insaputa, come testimonial di un prodotto dimagrante. Per questa operazione commerciale non autorizzata, il brand ha modificato digitalmente le sue foto, ingrassandola, dichiarando che avrebbe perso 30 chili grazie al proprio prodotto. Guardando le foto di se stessa trasformata in donna grassa, Littizzetto fa quindi vari commenti negativi: dice che è un mostro, dice “sembra che io pesi 500 chili” (in una foto in cui le hanno semplicemente gonfiato un po’ la faccia e creato un finto doppio mento) e si lamenta che nessuno la migliori mai con Photoshop ma sempre la peggiorano; insomma le parole che usa in precedenza fanno sorgere dei dubbi sulla sincerità della sua affermazione finale sulla bellezza delle donne con dei chili in più.

Un altro esempio di dichiarazioni simili e allo stesso modo irrilevanti, è quello che ha riguardato un’immagine pubblicitaria che l’ecommerce fashion Zalando qualche settimana fa ha pubblicato sulla sua pagina Facebook. Le modelle curvy protagoniste della pubblicità sono state colpite da body shaming e fat shaming e in molti casi anche chi voleva difenderle ha usato la stessa argomentazione poco lungimirante, quella della bellezza: “Come è possibile che la gente le stia offendendo? Sono bellissime!”. Davvero è questo il punto?

Personalmente, io credo che tutti i corpi siano belli: mi piace la varietà, mi piacciono le differenze e tutto quello che rende una persona unica e credo che a nessuno debba essere negato il diritto di piacersi, sentirsi bello e stare bene con se stesso; ma no, il punto non è questo. Il punto è che la bellezza non è il requisito minimo per non essere trattati come subumani, non è un obbligo o un dovere, non è qualcosa che ti devo in cambio del tuo rispetto e della mia dignità come essere umano. Ancora di meno devo per forza essere considerata “scopabile” per avere il diritto di esistere.

Sembrano concetti abbastanza ovvi, eppure solo pochi giorni fa alcuni uomini twittavano furiosi perché Playboy ha pubblicato un’intervista a Roxane Gay: una donna eccezionale, una scrittrice di successo, una docente universitaria e figura di spicco del femminismo americano. La sua colpa? Essere grassa e secondo loro brutta e quindi non essere materiale da masturbazione.

Vedi anche

Insomma, cara Luciana, io posso capire le tue buone intenzioni, ma non sono servite a molto, perché con la tua frase confermi ancora una volta che la massima aspirazione di una donna sia essere bella, che quello sia il complimento migliore che si possa ricevere e che la bellezza sia un valore, qualcosa che ti pone al di sopra degli altri.

Io invece penso che le donne (ma anche gli uomini e le persone non binarie) che non hanno un corpo conforme agli standard di bellezza siano altrettanto meritevoli di esistere, mostrarsi, essere rappresentati, avere delle opportunità a prescindere da quanti chili in più abbiano, dal colore della pelle, dalla loro identità sessuale, dalla loro disabilità o abilità.

Siamo brutti? Sticazzi.

Illustrazione di copertina: Chiaralascura
Leggi i commenti (4)
  • La bellezza , che dipende per una buona percentuale dall’aspetto del viso, è uno dei parametri su cui si fa ancora la discriminazione più diffusa e inconsapevole, sottile ma permanente. Indipendentemente dalle idee espresse verbalmente la maggior parte delle persone ha un atteggiamento completamente diverso di fronte a persone “brutte” esteticamente rispetto a chi presenta caratteri piacevoli. La sensazione che leggo è proprio piacere o compiacimento nel trattare i “belli”

  • Sto parlando di bellezza o di diritti, opportunità. Mi sembra scontato che tutti debbano essere rappresentati.
    Per la bellezza invece esistono persone magre brutte o belle e persone grasse brutte o belle.

  • Sono totalmente d’accordo con lei Chiara. Il punto è che non ci fa del bene chi nega che chi non ha certe caratteristiche fisiche è considerato brutto da gran parte della società. Ma una società sana deve trattato come un essere umano, perché ma non bellezza non dovrebbero essere motivo di discriminazione, così come non lo dovrebbero esserlo tante altre caratteristiche umane. Continuiamo a lottare per una società più umana e più giusta.

    Grazie
    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Associazione Bossy ® 2020
Via Melchiorre Gioia 82, 20125 Milano - P.IVA 10090350967
Privacy Policy - Cookie - Privacy Policy Shop - Condizioni di vendita