Intrattenimento

Wolf Children, un film che ci insegna ad accettare

Articolo precedente
Lo sport e la questione gender
Commenti (1)
  1. Jess ha detto:

    Ho amato e tutt´ora amo questo film, e puntualmente scoppio in lacrime alla fine come se fosse la prima volta. MA. C´è giusto un piccolo “ma” al tuo articolo.
    [SPOILER PER CHI NON HA VISTO]
    Questo film parla di accettazione, eppure vediamo che, alla fine, c´è un personaggio che non si accetta, che decide di rinunciare ad una parte di sé per conformarsi alla societá, e trovo che questo sia davvero molto triste.
    Mentre Ame abbraccia appieno il lupo che é in lui, Yuki decide di rinunciare, di tagliare quella parte di sè che la rende speciale in nome della conformità, dell´essere una qualsiasi ragazza, normale e anonima che studia e si comporta in maniera femminile. Viene conformata agli standard, a ció che la società si aspetta da lei. Trovo che questa sia la cosa più triste dell´intera storia narrata. Peró in fondo tu ti concentri su Hana nel tuo articolo, e trovo che la tua descrizione sia perfetta. Hana é quel tipo di persona a cui tutti dovrebbero ispirarsi.

    Peró, seriamente, la scena di Hana e di WolfMan (Kaze, secondo il fandom) che passano la loro prima notte insieme con lui trasformato da lupo se la potevano risparmiare .-.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *