Intrattenimento

Hollywood dorata di sessismo: problemi e atteggiamenti da cambiare all’indomani degli Oscar

Commenti (4)
  1. Avatar Vlad ha detto:

    no, non condivido queste critiche, non con tutte. Nei film e nei telefilm di oggi ci sono personaggi femminili belli e complessi e sviluppati narrativamente quanto quelli maschili (e sì penso anche a Game of Thrones e a Penny Dreadful e a tanti altri film e serie tv).
    Credo che la differenza d’età sia un falso problema, e anche la “figaggine” attori maschi belli e fighi ce ne sono eccome ameno quanto le colleghe, l’importante è che attori e attrici siano credibili per il loro personaggio anche fisicamente ed esteticamente, e se per la trama o le atmosfere è necessario mostrare una cena di nudo va mostrata

    1. Benedetta Geddo Benedetta Geddo ha detto:

      Il mio articolo non era inteso come “non esistono ruoli complessi per le donne”, ma una denuncia del fatto che “non ce ne sono abbastanza”. Ed è vero e innegabile, e finché entrambi i sessi potranno avere un ventaglio uguale di ruoli tra cui scegliere (perché, come tutto, funziona anche per gli uomini) allora non ci sarà una vera e propria parità. Game Of Thrones e Penny Dreadful sono dei buoni esempi, ma finché nel Marvel Cinematic Universe Bruce Banner si considererà un mostro perché diventa verde e devasta città e Natasha Romanoff si considererà un mostro perché non può avere figli, allora ci sarà qualcosa su cui continuare a lavorare.
      Lo stesso discorso vale per la differenza d’età e la bellezza fisica. Non dico che certi criteri non si applichino anche agli attori uomini, ma è vero che un uomo può continuare ad avere ruoli da protagonista (anche amoroso) fino a un’età di tutto rispetto, ma che una donna dopo i trenta comincia a “passare” ai ruoli da mamma. Di nuovo, basta guardare quei tre grafici che ho citato nell’articolo, la disparità è abbastanza evidente. Ancora, molti attori non “tradizionalmente” belli hanno successo e fanno una lunga e brillante carriera (perché sono bravi, indubbiamente), mentre per attrici che NON sono “tradizionalmente” belle la strada è già un po’ più in salita, i ruoli un po’ meno ampi, il tempo sullo schermo un po’ meno numeroso.
      Di nuovo, stessa cosa per le scene di sesso: è vero che si vedono sempre più fondoschiena maschili oltre a quelli femminili, ma è anche vero che di solito sono sempre le donne a spogliarsi (mi hai citato Game Of Thrones: per esempio, lì la quantità di nudo maschile non è nemmeno lontanamente paragonabile a quella ENORME di nudo femminile).
      Concordo su Fiona Gallagher, che hai citato nel commento sotto, ma ci vorrebbero cento, mille altri personaggi come Fiona per cento, mille altri attrici oltre a Emmy Rossum. Altre Annalise Keating per attrici oltre a Viola Davis. Non ce ne sono abbastanza, ecco tutto.

  2. Avatar Vlad ha detto:

    se cercate un personaggio femminile dall’arco narrativo complesso, positivo ma non privo di difetti, “cadute” e risalite, suggerisco Fiona Gallagher di Shameless ma non c’è solo lei

  3. Avatar Vlad ha detto:

    cena=scena, ameno=almeno

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *